Design di Silvio Lorusso

Slow Food Bari in visita al molino


template_immagine_in_evidenza

Domenica 3 aprile gli amici di Slow Food Bari, in occasione di una gita ad Altamura, hanno visitato il molino. La gita è proseguita sulla Murgia verso il Pulo, si è pranzato presso la Masseria Losurdo, infine si è visitato il centro storico. Leggi il seguito »

Le orecchiette pugliesi | Ilaria Roglieri


template_immagine_in_evidenza

La nascita delle orecchiette è avvolta nel mistero. Il poeta latino Varrone parla delle lixulae, un tipo di pasta a forma rotonda con il centro concavo ottenuta con farina, acqua. Leggi il seguito »

La grafica dei molini e dei pastifici. L’archivio della Tipografia Portoghese di Altamura


template_immagine_in_evidenza

Per anni la Tipografia Portoghese, fondata ad Altamura nel 1893, ha rappresentato l’unica realtà per produrre stampati in città. Lungo i decenni si è caratterizzata dunque come un crocevia per l’intera vita sociale altamurana. A testimonianza di ciò rimangono le comunicazioni istituzionali e quelle commerciali, i manifesti dei concerti e degli spettacoli che tappezzano ancora oggi le pareti dell’edificio. Leggi il seguito »

Un minuzioso timbro da pane per il molino


template_immagine_in_evidenza

Era consuetudine, in passato, che il pane fosse preparato in casa dalle madri di famiglia. Le donne lavoravano grosse forme che avrebbero sfamato i loro figli anche per una settimana. Solo a questo punto il pane era portato al forno per essere cotto. Al fine di evitare che le forme si confondessero tra loro, il fornaio le timbrava ad una ad una con le iniziali della famiglia. Per fare ciò utilizzava dei timbri in metallo che solitamente erano appesi al muro e disposti in fila. Prima di allora erano gli uomini di casa che, grazie ad un’abilità manuale ormai perduta, intagliavano dei pezzi di legno per farne il proprio marchio. Molto spesso si trattava di vere e proprie sculture in miniatura, con figure che si rifacevano al cognome della famiglia o ad un soprannome. Leggi il seguito »

Involtini di melanzane con ziti e provolone


template_immagine_in_evidenza

Ingredienti: una melanzana lunga, 100 gr di ziti, 100 gr di provolone, 50 g. di Grana, 150 g di panna da cucina, olio per friggere, farina q.b., 100 g di pomodori, basilico, olio, sale e pepe. Leggi il seguito »

La filiera del grano duro


template_immagine_in_evidenza

Il ciclo del grano duro nel suo processo di produzione e trasformazione comprende essenzialmente varie strutture e figure professionali specializzate. In particolare “la filiera” è composta da: sementieri (coloro che selezionano e forniscono le sementi); cerealicoltori; molini; pastifici e consumatori. Leggi il seguito »

I contadini di Altamura | “Salire i gradini” di Onofrio Petrara


template_immagine_in_evidenza

Il romanzo Salire i gradini di Onofrio Petrara tratta l’epopea di Mino, a partire dalla sua infanzia, immediatamente successiva al ventennio fascista, fino alla guerra fredda. Benché esso sia ambientato principalmente a Gravina, qualche volta si fa riferimento alla vicina Altamura, alla vita dei contadini e al rapporto che essi instaurano con il pane. Di seguito due brevi estratti. Leggi il seguito »

Grano Senatore Cappelli e i calzoni di ricotta dolce


template_immagine_in_evidenza

Ingredienti (per 4-5 persone):

500 gr di semola di grano duro Senatore Cappelli
1 uovo
500 gr di ricotta (comprata un paio di giorni prima per evitare che si sciolga)
1 tuorlo
50 gr di zucchero
Un pizzico di cannella e buccia di limone grattugiata
Acqua q.b. (dipende da quanta ne richiede la farina) Leggi il seguito »

Mezzemaniche al tonno e crema di formaggio


template_immagine_in_evidenza

Sciogliere a bagnomaria 400g di crema di formaggio bianco con aggiunta di una noce di burro. Dunque aggiungere 400g di tonno, peperoncino, 40g di parmigiano grattugiato ed infine la pasta. Amalgamare e servire.

Una visita al Museo Etnografico dell’Alta Murgia


template_immagine_in_evidenza

«Il Museo etnografico dell’Alta Murgia ha il suo antecedente nel Museo della Civiltà Rurale fondato nel 1980 da Pietro Locapo, sorvegliante archeologico e collezionista di oggetti etnografici. La collezione Locapo annoverava più di mille oggetti relativi alla cerealicoltura, alla viticoltura, alla pastorizia, ad alcuni mestieri e alla vita domestica.»

tratto da: Oggetti ritrovati. La cultura agropastorale dell’Alta Murgia, Torre di Nebbia
Leggi il seguito »

Molino Artigianale Dibenedetto | Via Aquileia n.1 | Altamura, Bari 70022 | (+39) 080 3115984 Scrivici